Quando l’ANSA è in vacANSA

Me ne stavo tranquilla tranquilla a passeggiare su internet quando una tegola mi ha quasi staccato la testa. L’ANSA mi annuncia che Breaking Bad avrà una sesta stagione, che Walter White verrà resuscitato, che il pubblico famelico avrà di che cibarsi e tutti potremo svernare sapendo che la stella di Heisenberg tornerà a brillare su Albuquerque.
Allo stordimento segue una supplica: ti prego dimmi che non è vero. Me ne vado in giro da mesi come un profeta scalzo a dire a tutti che Breaking Bad aveva indovinato tutti i tempi narrativi e che aveva concluso la propria parabola senza errori e ripensamenti. Percorso netto. Riconoscere il momento opportuno per chiudere una storia, sottrarsi alle lusinghe di un mercato che spinge a tirarla sempre per le lunghe erano due dei punti in cima all’elenco biblico di meriti che attribuisco alla serie di Vince Gilligan. Ora la torre minaccia di crollare per un mattoncino di troppo. Perchè? Perchèèèèè?

L’ANSA, poi, scomodava crudelmente proprio lo showrunner in persona. Come fonte (evidentemente non verificata) della notizia era infatti indicata un’intervista rilasciata alla CNN nella quale l’autore avrebbe sganciato questa bomba a poche ore dalla consegna degli Emmy che scientificamente avrebbero salutato con il calore di una scarica di premi una serie PER-FET-TA fin nelle virgole. (Effettivamente hanno poi vinto tutto.)

Dopo un attacco di cuore e uno di bile mi decido a cercare conferma. Voglio la prova del DNA, voglio sapere chi è il padre di quella che intimamente considero un’atroce, immane, abominevole cazzata. Dell’intervista CNN nessuna traccia, sui siti americani neanche un cenno. Twitter, facebook: nada de nada.

I’m Breaking Bad. Inforco occhiali scuri, mi calo un cappello nero da ortodosso sulla punta della testa. E come Heisemberg sono pronta a disseminare il panico. La storia intanto si propaga alla velocità di una partita di cristalli di meth. Una partita impura e velenosa. Circola addirittura una bozza di trama che riferisce del risveglio di W.W. in un ospedale, ecc. ecc. Il cuoco della notizia è chiaramente un criminale.

Qualche clic ed ecco l’untore: The National Report, sito corsaro di notizie “satiriche”, anzi più propriamente generatore di fake. L’arma segreta di un’ANSA in vacANSA.

Mentre scrivo, la notizia è stata rimossa ma abbiamo le prove.

10616320_10204421966806696_3602968376667232123_n

L’unica notizia accertata rimane il lancio ormai prossimo dello spin-off “Better Call Saul”.

Leggi anche:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>