Bieber Fiever

Justin è sbarcato in Europa. Lo sanno anche i sassi. La tappa a Londra: un disastro. Un concerto iniziato in ritardo, un altro sospeso a causa di un malore. In Portogallo: una data cancellata. A Berlino: pasticcio alla dogana quando il pischelletto prodigio ha tentato di introdurre illegalmente nel paese la sua scimmietta di compagnia che per la bravata è ancora in quarantena. Adesso ci si mette la Norvegia, che rinuncia al suo proverbiale understatement piegando la didattica alle date dei concerti di un adolescente un po’ coatto.

Capita infatti che le scuole secondarie norvegesi impegnino gli studenti in una serie di test in agenda a metà aprile, proprio nei giorni dello sbarco di Bieber alla Telenor Arena di Oslo. Ma capita soprattutto che la fatale concomitanza spinga i presidi, sopraffatti dalle vendite di biglietti tra i ragazzi, ad un’incredibile decisione: spostare la sessione di esami. Anche in scuole che distano sette ore di auto dalla capitale.

Perchè secondo un rapido e lucido calcolo, la Bieber Fiever rischierebbe di contagiare le classi dell’intero paese condizionando il rendimento dei ragazzi nelle prove o, peggio, offrendo loro una giustificazione “criminale”.

Il ministro dell’istruzione Kristin Halvorsen alza le mani appellandosi alla libertà degli istituti di stabilire le date degli esami a proprio piacimento e ricordando, in un comunicato ufficiale, che infondo tutti hanno avuto 14 anni. Ma con ironico sadismo, che spinge a rinnovare la fiducia nel sistema educativo scandinavo, i presidi pro-Bieber, anticipano i test di una settimana invece di farli slittare, e la cresta impomatata dei giovani fan in delirio d’improvviso s’accascia.

“Tutti hanno avuto 14 anni”, però vuoi mettere quanto puoi divertirti a cinquanta…

Leggi anche:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>